Sostieni l'Associazione ANPTES

CONTRIBUTI VOLONTARI

COSA TROVATE QUI

Se volete sostenere l'Associazione con un contributo libero e volontario, qui trovate le informazioni necessarie.

L'Associazione non richiede il versamento di contributi obbligatori ai soggetti che beneficiano della sua attività.
L’espropriato è pertanto libero di versare un contributo volontario per sostenerla, se ritiene utile l'attività didattica-informativa che essa svolge.

Il contributo non è obbligatorio

Chi vuole versare un contributo può seguire le seguenti istruzioni.

Intestazione: ANPTES
Associazione Nazionale Per la Tutela degli Espropriati
Causale: contributo volontario
Autore del versamento: il suo nome e cognome
Codice IBAN IT59 F076 0116 9000 0102 3877 788
Codice BIC/SWIFT BPPIITRRXXX
 

CIN ABI CAB N.CONTO
F 07601 16900 001023877788

 

Se volete stampare questi dati cliccate qui e li avrete in formato word

Apri dati in formato word

 

 

PERCHE' SOSTENERE L'ASSOCIAZIONE CON UN CONTRIBUTO

Voi oggi potete usufruire gratuitamente delle informazioni contenute nel Sito, grazie ai contributi liberi e volontari versati dagli espropriati che vi hanno preceduto.
Se volete che il Sito continui ad essere disponibile per altri espropriati, o per voi stessi in futuro, potete sostenere l'Associazione versando un contributo.

 

L'Associazione, infatti, ha effettuato una precisa scelta di campo, senza equivoci o possibili commistioni.

Essa studia ed opera  esclusivamente per gli espropriati e non per gli Enti Pubblici.
E’ questa, una scelta ideale e morale, volta a:

-

tutelare i diritti dei cittadini che possiedono un bene, frutto del loro lavoro o di quello dei loro genitori, per evitare che ne siano privati illegittimamente o senza una giusta remunerazione

-

reagire con forza - senza timore di perdere incarichi o contributi - all'arroganza di molte Amministrazioni, che trattano gli espropriati come "sudditi", utilizzando a loro favore la scarsa conoscenza che i cittadini hanno del Diritto dell'Espropriazione.

   

Per questo l'Associazione non  presta servizi agli Enti Pubblici.

Essa, quindi, si sostiene esclusivamente:

-

con contributi privati, (liberi e volontari) di soggetti che ne apprezzano l'attività

-

con donazioni, (libere e volontarie), di espropriati che hanno tratto beneficio dalle informazioni che essa diffonde gratuitamente.